La democrazia in piazza oggi a Sesto, per dire No a CasaPound

Ci sarà anche la presidente nazionale dei partigiani, Carla Nespolo, oggi al presidio di Sesto San Giovanni in piazza della Resistenza, sotto il municipio: «È inaccettabile – dice la presidente Anpi – che gli eredi di chi ha ridotto in macerie l’Europa, l’Italia e la democrazia, e sono stati sconfitti dagli antifascisti, si levino oggi a difensori della Patria». E ancora: «Sarà una bellissima, gioiosa e pacifica manifestazione dove esprimerò l’indignazione di tutti i cittadini democratici. La Patria è stata difesa dai partigiani combattendo, con immani sacrifici e a prezzo della vita, chi invece l’avrebbe voluta subalterna alla Germania di Hitler».

Se a nulla è valsa la mobilitazione per far recedere il sindaco della cittadina lombarda, Roberto Di Stefano, dal concedere questa sera una sala comunale a CasaPound, con il centrodestra seduto allo stesso tavolo dell’ultradestra (interverranno infatti esponenti di Forza Italia, deputati della Lega e di Fratelli d’Italia), a Sesto si risponderà con una grande, unitaria “Festa della democrazia”. Promossa dal Comitato antifascista insieme ad Anpi, Aned e altre associazioni, la Cgil con la Camera del Lavoro e la Uil, partiti di centrosinistra, movimenti civici, il Decanato con le associazioni cattoliche, e altri sodalizi religiosi, vedrà alternarsi – a partire dalle 16 e fino alle 23 – interventi, esibizioni teatrali, letture, testimonianze, la musica della Banda degli Ottoni.

«È gravissimo che un rappresentante di una Comunità insignita di Medaglia d’Oro al Valor Militare per la Resistenza conceda e utilizzi un luogo delle istituzioni, quindi di tutti, per un’iniziativa meramente politica e di segno fascista», affonda Nespolo.

«Non era mai successo nel corso del secondo dopoguerra che un’organizzazione neofascista mettesse piede a Sesto San Giovanni – aggiunge il presidente provinciale dell‘Anpi milanese, Roberto Cenati -. Lo Statuto della Città, inoltre, richiama con grande fermezza i valori dell’antifascismo e della Resistenza. Abbiamo chiesto al sindaco di non concedere lo SpazioArte, di proprietà comunale, richiamandoci appunto allo Statuto, senza però essere ascoltati. Organizzazioni come quella di CasaPound i cui militanti si definiscono fascisti del terzo millennio avrebbero dovuto essere sciolte, perché contrarie ai principi della Costituzione e alle leggi Scelba e Mancino».

A dire No a CasaPound anche il Movimento 5Stelle e la Lista popolare per Sesto mentre un pezzo della maggioranza comunale, “Sesto nel cuore”, ha preso le distanze dall’amministrazione.

A riservare parole fermissime don Virginio Colmegna, presidente della Casa della Carità: “Sentire che a Sesto si può sdoganare Casapound ci impone un’obbedienza costituzionale. Non è possibile permettere lo slogan contro l’Europa, con al contrario un’idea di un fascismo buono – ha aggiunto don Colmegna – e farlo proprio a Sesto, Medaglia d’Oro della Resistenza. Dire che non siamo d’accordo è il minimo. È un segnale preoccupante rispetto al tema dei diritti fondamentali e dei principi costituzionali”. Intanto si moltiplicano i loro messaggi di vicinanza agli antifascisti, tra i tantissimi quello dell’attrice Lella Costa, “Teniamoci stretti”, e senatrice a vita Liliana Segre: “Guardo con grande tristezza e anche pena questi personaggi che ancora oggi, dopo il fallimento di questi movimenti totalitaristi, portano avanti queste insegne e principi. La mia vita l’ho spesa contro queste cose”.

Il 22 gennaio Liliana Segre interverrà al Teatro alla Scala di Milano ad un’iniziativa organizzata per il Giorno della Memoria rivolta soprattutto ai ragazzi delle scuole medie superiori, ma aperta a tutti i cittadini. A realizzarla sono la sezione Anpi Scala, costituita 4 anni fa, l’Anpi di Milano e l’associazione Figli della Shoah. A portare i saluti del Comune sarà il vicesindaco, Anna Scavuzzo, e a introdurre i lavori sarà il giornalista Enrico Mentana, minacciato e insultato con una la lettera firmata da una svastica, al quale in queste ore in tanti stanno esprimendo solidarietà.

E a Milano si terrà il prossimo 2 marzo una manifestazione nazionale antirazzista che ha scelto il motto “People. Prima le persone”. A organizzarla una rete di 25 associazioni, tra le quali Anpi, Acli, Amnesty International, Arci, Comunità di Sant’Egidio, Emergency, Libera, I sentinelli, Terres des hommes e Insieme senza muri (che a nel capoluogo lombardo il 20 maggio 2017 organizzò una grandissima manifestazione contro il razzismo, in cui scesero in piazza 100.000 persone).

Questi gli obiettivi indicati nell’appello: “La politica della paura e la cultura della discriminazione vengono sistematicamente perseguite per alimentare l’odio e per creare cittadini e cittadine di serie A e di serie B. Per noi, invece, il nemico è la diseguaglianza, lo sfruttamento, la condizione di precarietà”. Recita ancora l’appello: “Crediamo che la buona politica debba essere fondata sull’affermazione dei diritti umani, sociali e civili perché pensiamo che le differenze non debbano mai diventare occasione per creare nuove persone da segregare, nemici da perseguire, ghettizzare o emarginare”.

E intanto già da oggi la democrazia e l’antifascismo saranno in piazza a Sesto.

L’articolo La democrazia in piazza oggi a Sesto, per dire No a CasaPound proviene da Patria Indipendente.