In Polonia, “il vento reazionario si è trasformato in tempesta”

Il sindaco di Danzica, Pawel Adamowicz, assassinato durante un evento di beneficenzaL’omicidio di Pawel Adamowicz scuote i cittadini democratici non solo in Polonia ma in tutta Europa.

Il sindaco di Danzica, accoltellato domenica scorsa durante una serata di beneficenza e morto ieri dopo un lungo intervento chirurgico, era uno dei uomini più popolari del Paese; si spendeva per una città aperta e solidale, ed era tra i politici più in vista dell’opposizione al governo sovranista, conservatore ed euroscettico di Jaroslaw Kaczynski.

Negli ultimi anni, dopo aver militato in Solidarnosc, Adamowicz era divenuto un riferimento nella sua città e nel Paese, per le iniziative in sostegno dei diritti delle minoranze; della comunità Lgtb e dei migranti ai quali aveva aperto le porte cittadine, in diretto contrasto con l’esecutivo centrale.

Una manifestazione dei neonazisti polacchi (da https://www.ilpost.it/wp-content/uploads/2017/11/manifestazioni-polonia-indipendenza-18.jpg)

Per la presidente dei partigiani italiani, Carla Nespolo: «Il vento reazionario seminato dal governo polacco si è trasformato in tempesta con l’efferata aggressione a Pawel Adamowicz, sindaco di Danzica».

Si tratta di un «omicidio politico – continua la presidente nazionale Anpi – maturato nel clima di violenza alimentato in Polonia dalle forze di governo e dai gruppi neonazisti».

1939, Hitler entra a Danzica (dahttps://s.inyourpocket.com/gallery/111427.jpg)

Una morte che aggiunge «una nuova sanguinosa pagina nella storia di Danzica: città annessa al Reich nel 1939 dopo l’aggressione di Hitler alla Polonia».

L’assassinio non solo addolora ma è frutto grave del clima di odio che si sta diffondendo in Polonia, avvisa Nespolo.  A «conferma che l’attuale governo polacco è un drammatico problema per l’Unione Europea». E alla Ue, la presidente Anpi chiede «al più presto ulteriori e drastici provvedimenti per condannare un regime illiberale».

 

L’articolo In Polonia, “il vento reazionario si è trasformato in tempesta” proviene da Patria Indipendente.